Forse è meglio che vada

Aprile 2013

EttoreBaldassarre - Forse è meglio che vada

Tracklist

Oltrepasso la siepe, giungo alla strada Ripenso felice a ciò che mi dissero, “lei è uno bravo” mi tese la mano “forse è meglio che vada”. Sul ponte una donna impaglia pupazzi, e penso che il tempo è infinito per quei bambolotti, Mi guardo indietro, poi in avanti, è già passato il tempo dei rimpianti, apro i polmoni sento la brezza, è già vivo il ricordo della strada percorsa, sopra di me, di qualcuno il fiato si spezza. Afferro me stesso, stringo forte le braccia, cerco di darmi calore, in quell’ultima emozione la vita era così bella, che razza di coglione. Con voracità m’inghiotte la terra, mi rialzo sereno, guardo in alto curioso, una nuova luce mi assale e mi afferra. Di nuovo sono a casa, provo una strana leggerezza, lei non mi vede, era forse distratta, lei non mi sente, provo una cupa tristezza.