Se gli animali parlassero e Pinocchio

Novembre 2013

Eugenio in via di gioia - Se gli animali parlassero e Pinocchio

Video

Se gli animali parlassero e Pinocchio

 

“smettila di non amarmi”  direbbe il leone alla gazzella;

“posso toccare la luna con la punta della lingua” direbbe la giraffa più snella

“so guidare ad occhi chiusi” si vanterebbe il pipistrello

 continuerebbe a cantare la cicala il suo ritornello

che, nonostante l’inverno imminente, di urlare non smetterà

non è solo questione di tempo la sensazione di serenità.

 

“tu principe  ed io principessa e mai più verme”

il bruco ingannerebbe il rospo che aspetta ancora un bacio inerme;

 “sono un pesce, il più grande di tutti! e ho ingoiato un vecchietto sgomento”

 “ne sono uscito vivo e ho salvato Geppetto” direbbe pinocchio contento

una balena di bugie, la barca di verga e un po’ di buonismo

ci hanno portato a giudicare  ogni naufragio con pessimismo

e nonostante l'ideale dell’ostrica la cicala continuerà,

che navigare può far male, ma stare a terra cmq ucciderà

e son passate primavere, inverni, agosti e tante estati

e guarda un po’ anche la formica (“poverina”) ci ha salutati.

 

e sembra cosi umano cercar di risultare migliori di quel che si è,

un pezzo di legno penseresti non ha nulla di se stesso da elogiare

eppure a volte è sufficiente saper parlare,

ma una cosa adesso voglio a tutti i costi smascherare:

pinocchio non è una bugia lui è reale.

La sola menzogna detta è che fosse un bambino di legno,

ma così al povero grillo non avrebbe suscitato alcuno sdegno,

pinocchio si era un pezzo di legno,  ma non era affatto un bambino.  Lui era adulto.