Cronaca di un popolo stupidissimo (Specchio)

Agosto 2014

Gianvincenzo D'Andretta - Cronaca di un popolo stupidissimo (Specchio)

Futili credenziali che presenti come biglietto da visita,

sperando nel caso, in un tacito accordo sancito da uno sguardo,

che poi è ciò per cui esci di casa ogni mattina,

fremente con il mondo in mano..

Salvo poi sentirsi schiacciato se solo lo si osserva da poco più in la..

Prospettive talmente lontane da poterle toccare,

cosciente che un giorno saranno così vicine dal volerne scappare..

"Domani" è il giorno in cui riceverai lo schiaffo più forte,

il cui livido non potrà farti che bene..

Rimani nel tuo paradosso, chiedendoti perchè proprio a te

sia toccato salvarti da ciò che da solo saresti stato

capace di fare.