Addio Bologna

Gennaio 2013

Giulia D'Agostini - Addio Bologna

Nonostante il traffico, la vita da appartamento, i cadaveri dei piccioni, i piccioni, le estati soffocanti, le blatte, il costo della vita, l'inquinamento, il non poter vedere le stelle, i coinquilini, il giallo banana, l'affitto, il pane immangiabile e la spesa trascinata fino a casa... Nonostante tutto ti ringrazio del bello che mi hai dato e sappi cara Bologna che non é colpa tua ma mia. Infatti me ne vado, basta intristirti col mio umore, basta lamentarmi di quanto mi fai sentire in prigione.. Ti lascio ai nuovi studenti, entusiasti di scoprire ogni tuo portico e ogni tuo locale, di ubriacarsi e di conoscere trenta persone alla settimana, di dare il primo esame, di sentirsi grandi, di trovare un lavoro part-time, di bere lo spritz! E chi sa, magari qualcuno resterà tra le tue braccia per tutta la vita.