Londra, Milano, Parigi poi ancora Milano, Barcellona, Roma poi ancora Parigi, Australia, Indocina ed infine Berlino. In tutto questo pellegrinaggio si era perso. Era tempo di mettere le cose per iscritto e cercare un filo conduttore. Era tempo di iniziare a mettere nero su bianco e cercare di capire da dove proviene quella mancanza intrinseca di qualcosa di non identificabile, ne nella forma ne nel colore. Era tempo di definire l'indefinibile. Finta autobiografia di un passeggero di II classe.

Contatti

Luogo: C*******a, Lombardia

watch?v=izS3mfwraI8&frags=pl%2Cwn