Ho una paura...

Giugno 2013

marxistpoet93 - Ho una paura...

A Gianluigi Petrillo e il suo piacere di leggere poesie libere ed emozionanti, alla sua voglia comune alla mia di cambiare il mondo. Ho una paura tremenda e tenebrosa come il giorno che va via, ho una paura di non vendicare i tanti morti, le tante stragi per mano del gatto nero, dello Stato, per mano del signore dalla carta verde color piscio, color morte. Ho una paura grande quanto questo mondo, ho una paura piccola come la vita di tutti noi, ho una paura di non poter cambiare il mondo. Ho una paura color di rosso come l'amore che provai per una sol donna, rosso come il sangue che si è lasciato contro pochi, come tanti Don Chisciotte in lotta solitaria. Ho una paura funebre e funesta come i funerali delle parole e dei loro concerti, come le bare degli uomini e dei costrutti sintattici, come i cortei a pugno chiuso, a bandiera levata per il ricordo di chi per noi e tutti quanti noi gettò la vita in mezzo all'ideale; ho una paura tremenda e tenebrosa come la notte che non va via, ho una paura di non scrivere più in poesia. Ho una voglia di non aver più paura, è da questa passion di voglia che han paura di me.