Sfumature di Dolore

Maggio 2013

Peppe - Sfumature di Dolore

Un albero abbattuto un proiettile esploso un uragano violento; Il lampo all'improvviso l'ansia del terrore la paura di affogare in un mare di dolore. Un paziente deceduto un pugnale insanguinato un cielo caduto; il mondo finito la conclusione di un'era l'angoscia di un sarà in un giardino d'amore. E l'onda s'infrange e il fuoco si spegne e la terra si apre laddove non c'è speranza. E al nuvola svanisce e svanisce anche il sorriso quando la corda si rompe quando la lacrima bagna il tuo viso. E quale Dio è E quale uomo sono Q questo Dio dov'è se non ho più un cielo? Un sasso lanciato un ramo spezato un colpo assestato. Il tuono ha gridato il tremore avvertito non è solo esitazione, ma la via verso la disgregazione. Un moto fallito un pensiero sbagliato un gatto investito. Il cuore ha ragionato il cervello ha battuto non è solo fantasia, ma la via verso la fine. E il bosco s'incendia e si bruciano le persone e il sangue si evita, ma si abbatte la depressione e questo mondo crudele è crudele con me perchè sparisce il sorriso quando il tasto si scorda e l'armoni abbandona il tuo viso. E che vita è E che storia è Questa che non ha ripetizione, ma è ricerca della soddisfazione.