IL TUTTO

Marzo 2014

roberto marzano - IL TUTTO

Di strofa in strofa, d'apostrofo in “a capo”

affamato di lunghi periodi dilaganti

per righe e più righe senza fiato o quiete

dove una virgola in più o in meno, nel caso

può cambiare direzione, senso e indirizzo

così come un punto può concludere il tutto...

La pianura sterminata di neve

non distingue né colma le distanze

batte il mio cuore pazzo dirimpetto

nel respiro bollente di fiati affiatati

che divorano a morsi vivi la nebbia

vapore di sospiri colti a mani colme

maniglie dorate delle porte del paradiso

raccolgon lo stupore, il brillio degli occhi

sotto le coperte complici di pelle

dove le notti sfrigolano d'immenso

incendiando labbra tese, bocche disciolte

ad esplorarsi in esplosioni d'infinito...