30 giugno 2016

[SOFFI] Intervista a Martoz


[SOFFI] Intervista a Martoz

2° intervista

Martoz

Mi chiamo Martoz, in pratica disegno. Ultimamente mi capita di fare murales e fumetti. Lavoro molto nel campo delle autoproduzioni, ho curato assieme al Lab. Aquattro il volume a fumetti "Crisma". Spesso scrivo "(!!!)" per esprimere una gamma di stati d'animo, ne detengo i diritti (!!!). Mi piace esplorare edifici di pietra immersi nel verde, tipo "terzo paesaggio", ma a CHI no? 

Che cos’è per te il fumetto?

Una forma altissima di espressione artistica MA anche di intrattenimento, le due cose possono andare a braccetto. Per me, proprio ME, un modo molto stimolante di raccontare attraverso il disegno e di esplorare il mondo della comunicazione. 

Per chi disegni?

Ora sto facendo un fumetto assieme a Canicola. In genere disegno per chi me lo chiede, raramente regalo spontaneamente disegni ai parenti, mi mette un po' imbarazzo. Nello specifico, a chi fa autoproduzione, mi fa piacere donare il mio contributo. nel mio piccolo (e breve) ho visto crescere progetti che, partiti dal basso, sono diventati realtà editoriali riconosciute. 

Web o carta?

Carta. Il mio rapporto con la carta è viscerale, anche se ne uso un tipo di scarsissima qualità. Non disdegno i fumetti sul web, MA sono pochi quelli che hanno capito subito che un fumetto sul web non deve imitare il fratello cartaceo ma spingersi oltre, assecondando le capacità tecnologiche. Vedi Lorenzo Ghetti... grande! Altrimenti rimane una vetrina speranzosa di ottenere facilmente attenzioni.

Matita o penna grafica?

Matita E penna grafica. Disegno a matita e coloro i fumetti a tinte piatte utilizzando la tavoletta grafica, mi diverte molto usarla... se dovessi schierarmi, preferisco l'illustrazione tradizionale a quella interamente ricavata digitalmente, ma è chiaro che il risultato è l'unica cosa che importa. 

Se non fossi stato un creativo dove ti avrebbe portato la tua vita?

Non so neanche dove mi porterà, avendo scelto di fare il creativo... figuriamoci a ipotizzare il resto delle possibilità! immagino che avrei fatto un lavoro pratico, mi piace muovermi, stare in mezzo alla natura o con le persone. Forse avrei fatto l'Indiana Pipps. 

Cosa bolle in pentola?

Ho molti progetti, quasi tutti riguardano il fumetto. Ho già citato la storia che stiamo ultimando con Canicola. È la vicenda di un pover'uomo che non riesce ad avere una vita normale perché ogni volta che si addormenta si risveglia in un posto diverso... è molto più interessante di così, ma non voglio annoiarvi. Vi dico solo che è pieno di erotismo e avventura. Alcuni già lo sanno, quindi cito anche il fumetto a cui stiamo lavorando con Lorenzo Palloni, progetto del quale sono molto contento (!!!) 

Mi consigli tre autori?

Kent Williams, Michele Papetti & Simone Martini (il pittore medievale) perché inizialmente non c'entrano niente l'uno con l'altro ma poi ti rendi conto che disegnano tutti e tre. Sono tre persone che mi ispirano molto, diversissimi ma accomunati da un genio innegabile. 

Me lo fai un disegnino?

Ho fatto un disegno apposta per voi, del tutto inedito, che rappresenta il concetto di rovesciamento. Un qualcosa che mi è caro ed è molto frequente nei miei disegni, sia a livello grafico che concettuale. Oltre alla sensualità, che quasi mai abbandona il mio lavoro, neanche quando le belle donne sono assenti. Insomma, quando qualcosa non va, devi rovesciarla. Vale anche per i calzini e per lo stomaco in subbuglio.

Il sito web di Martoz: http://alemartoz.blogspot.it/


Leggi anche le altre interviste SOFFI

1° intervista

Lorenzo Palloni

Il fumettista che non dorme mai... continua >>>


Redazione SwitchOn Redazione SwitchOn