12 aprile 2017

Griselda Masalagiken - Memorie del nervo ottico


Griselda Masalagiken - Memorie del nervo ottico

Un album clandestino, piratesco e autarchico.

TITOLO:  Memorie del nervo ottico
ARTISTA:  Griselda Masalagiken
ETICHETTA: SkankBloc Records
ANNO: 2017

L’ultimo disco di Griselda Masalagiken suona come un diario di bordoun libro di memorie. In questo senso il titolo, Memorie del nervo ottico, è azzeccatissimo.

Le dieci canzoni che contiene sono cornucopie di visioni surrealiste accostate con maestria e maturità, caratterizzate da un suono lo-fi e un’atmosfera che ricorda i Nirvana, in una versione più acustica. I testi sono ritratti quasi hopperiani della tranquilla malinconia della vita quotidiana, con poco amore e tanto mare, pochi grandi sentimenti e tanto vento, un’attitudine a trovare poesia e significato nell’osservazione delle cose del mondo che rende originale e interessante il modo di scrivere di Griselda. Dal punto di vista musicale, ci sono certamente da segnalare le sue doti di polistrumentista, essendo l’album interamente suonato dal musicista stesso.

In tre aggettivi, Memorie del nervo ottico è un lavoro clandestinopiratesco autarchicoVi consiglio di imbarcarvici.


Andrea Borio Andrea Borio