20 settembre 2016

La recensione di Avrei voluto masticare il tuo cuore


La recensione di Avrei voluto masticare il tuo cuore

Un po' Marlene Kuntz, un po' Vinicio Capossela Capossela, un po' - ancora - Pierpaolo Capovilla. Tutto questo ci insegna una sola cosa : in poesia musicale nella cultura "pop" non vi è artista più importante di Nick Cave. Una maestosa lirica, messa in musica. Atmosfere cupe, con un blues di chitarra che non freme per uscire. Canzone che monta, monta tensione. Non esplode mai. Ed è così che mi piacciono.


Redazione SwitchOn Redazione SwitchOn