10 maggio 2017

Pulsatilla - EP omonimo


Pulsatilla - EP omonimo

TITOLO: Pulsatilla EP
AUTORE: Pulsatilla
ETICHETTA: autoprodotto
ANNO: 2017

Ascoltiamo il primo EP dei riminesi Pulsatilla: un sound originale che si rifà al rock delle origini.

Al primo ascolto il primo (omonimo) EP dei Pulsatilla - Leonardo Rossi (voce, chitarra elettrica), Luca Fallini (voce, chitarra elettrica), Tommaso Selva (basso elettrico), Filippo Righetti (batteria) - è una sorpresa. I sette brani (sei cantati e uno strumentale di chiusura) sono spiazzanti come certi fiori che trovi sui sentieri di montagna. Il suono, di impronta fortemente anni '60, arriva come una ventata di primavera, le melodie semplici e estremamente cantabili a mettere immediatamente radici nella tua memoria, dove rimangono solide tanto quanto prima sembravano evanescenti.

La colonna portante di tutto è costituita dalle due chitarre che si inseguono in arpeggi interessanti, su un registro chiaro e con una lieve distorsione che fa molto rock delle origini e oggi possiamo trovare nei magnifici Wilco. Il cantato è dolce e sognante e, devo dirlo, non sempre all'altezza degli obiettivi che si pone. Su questo la band dovrà ancora lavorare per trovare un punto di sintesi efficace tra i testi, tutti in italiano e densi di estetica hippie, le melodie, elaborate quanto appiccicose, e l'estensione vocale del cantante, impresa già riuscita in "Euritmia" e "Tempo Stretto". È sicuramente da segnalare l'artwork realizzato dall'illustratrice Filomena Galvani, che a mio parere è un ottimo commento grafico al lavoro.

Questo EP è un lavoro promettente, anche se ancora selvatico, che fa capire con chiarezza che i Pulsatilla hanno molto da dire e sono un gruppo da seguire, soprattutto per l'originalità della proposta musicale, che non ha corrispettivi a me noti nella nostra penisola. Questo è certamente un grande merito, soprattutto per una band emergente. Non perdeteveli!



Andrea Borio Andrea Borio