21 febbraio 2018

Sudore #10: il trio tweeedo funziona benissimo

#elettro #torino #live #jazz #electronica #release #murazzi #tweeedo #calista #sudore

Sudore #10: il trio tweeedo funziona benissimo

La rassegna di concerti torinese organizzata da Dewrec arriva alla decima serata, e funziona benissimo.

Sudore presenta sempre qualcosa di diverso, spesso chiamando a suonare artisti che vengono da lontano, ma giovedì 15 febbraio al Magazzino sul Po, i Tweeedo hanno giocato in casa, presentando il loro primo EP We all think we’re good people.

In apertura, un simpatico cantautore italo-britannico, Sergio Beercock, capace di incantare tutto il pubblico. Folk minimale, molto evocativo, che riesce a scaldare il palco.

I Tweeedo presentano il loro primo EP con poche parole. Pur essendo il loro primo disco, si sente la sintonia del trio, senza contare che due di loro hanno già suonato insieme nei Fuh, gruppo perla della provincia Granda.

Il pubblico è attento, le teste di tutti i presenti oscillano per seguire il tempo. Loop ben studiati, suoni freddi che sfiorano la techno vengono scaldati da tonalità post rock che richiamano i Mogwai e accostati alla batteria jazz di Nicolas Remondino, la cui precisione e sensibilità tecnica è in grado di tenere gran parte della mia attenzione per tutto il live. Difficile collocare i Tweeedo in un genere: sperando di sentir parlare tanto di loro, potrei limitarmi ad associarli a nomi come Battles, Mogwai e BadBadNotGood.

A chiudere la serata gli amici Electro Nachos, dj set anni ’80 che chiude la serata facendo ballare il pubblico.

Spesso ci dimentichiamo di quanto localmente si possa trovare qualcosa di molto più interessante che all’estero. In attesa del prossimo Sudore, date un ascolto all’album dei Tweeedo.


Giacomo Mondino Giacomo Mondino